_home _italian fashion superstars

Italian Fashion Superstars

Italian Fashion Superstars è la prima classifica dei 100 migliori stilisti italiani di sempre.

I candidati sono stati selezionati da una giuria di designers e operatori del settore.

Se vuoi suggerire uno stilista da inserire nella classifica, clicca qui

Vota ... puoi esprimere fino a 5 preferenze.

 


Giorgio Armani

La produzione di Armani spazia fra abiti di ogni genere, cominciando dalle giacche, di cui rivoluziona il design: vengono eliminati i supporti interni, vengono spostati i bottoni e modificate le proporzioni tradizionali: nascono così le giacche destrutturate, emblema assoluto del suo stile. La giacca diventa la protagonista del tailleur di taglio maschile che Armani disegna per le donne.

943 voti

 


Valentino

Valentino Garavani è considerato uno dei più importanti couturier e innovatori della moda. Nel corso di una vacanza a Barcellona scopre l'amore per il rosso. Da questa folgorazione nascerà il suo famoso "rosso Valentino", peculiare per il suo essere cangiante fra le tonalità dell'arancio e del rosso vero e proprio.


602 voti

 


Gianni Versace

Ritenuto uno dei più grandi nomi della moda italiana nel mondo, la sua direzione stilistica fu rivolta a collegare la moda elegante a quella sportiva, quella maschile alla femminile, dando vita ad uno stile ed un vestire italiano che ha dato successo all'italianità nel mondo. Ha fondato la Gianni Versace S.p.A., azienda oggi gestita dalla famiglia dello stilista.


589 voti

 


Miuccia Prada

È annoverata come la seconda donna più potente al mondo nell'ambito della moda da Time Magazine e tra i venti magnati della moda più ricchi secondo Forbes.


403 voti

 


Guccio Gucci

Aprì una bottega di valigeria. Subito le realizzazioni di questo giovane stilista ebbero successo e, per inseguire un successo ancora maggiore. Nel 1947 Gucci creò una borsa del tutto nuova che lo contraddistinguerà per sempre: la borsa con il manico in bambù.


384 voti

 


Dolce & Gabbana

Hanno lavorato per anni presso lo studio di Giorgio Correggiari dove si sono conosciuti. Le collezioni Dolce&Gabbana sono meno influenzate dai cambiamenti della moda, e sotto questo marchio vengono prodotte anche linee di biancheria intima, costumi da bagno, occhiali da sole e accessori.


328 voti

 


Roberto Cavalli

Innovatore e sperimentatore, brevetta nei primi anni '70 un rivoluzionario procedimento di stampa su pelle, ed inizia a realizzare i famosi patchwork di materiali e colori, messi in mostra a Parigi.


201 voti

 


Krizia

Krizia, ovvero la vanità femminile. Per il suo nome d’arte Mariuccia Mandelli ha scelto un Dialogo di Platone. Capace di passare dal minimalismo e dalle geometrie alla sofisticata elaborazione, dal classico alle suggestioni dell’Oriente, gioca con le contraddizioni.


193 voti

 


Walter Albini

Anticipò troppo e tutti. Seminò, senza raccogliere. Arrivò prima, portò il futuro, ma non lo vide. Fu il primo a disegnare il prêt-à-porter italiano, il lusso accessibile, il total look. Rivoluzionò, con eleganza, senza rabbia.


184 voti

 


Salvatore Ferragamo

È stato uno dei più influenti designer di calzature del XX secolo, popolare anche a Hollywood dove porta con successo le sue calzature fatte a mano, dal design unico e con grande attenzione al connubio fra bellezza e comodità.


158 voti

 


Frida Giannini

Il talento unico e la visione moderna caratterizzano l’ascesa di Frida Giannini a Direttore Creativo di una delle case di moda più rinomate al mondo: Gucci. Utilizzando gli archivi del marchio come punto di partenza, trasforma le classiche icone della casa in creazioni innovative di grande successo.


156 voti

 


Gianfranco Ferrè

Dopo una laurea in Architettura al Politecnico di Milano, Ferré aveva fatto il suo ingresso nel settore della moda negli anni '70, ottenendo un primo successo, in circostanze abbastanza casuali, come creatore di bijoux e accessori. Iniziò da allora a collaborare con nomi già affermati come Walter Albini e Christane Baily.


150 voti

 


Ottavio Missoni

Nel 1960 gli abiti Missoni iniziano ad apparire sulle riviste di moda. Nel 1962 viene utilizzata la macchina da cucito Rachel, nata per la lavorazione degli scialli, per la creazione di vestiti. Risultano colorati e leggeri. Questa innovazione decreta il successo commerciale della linea.


140 voti

 


Sorelle Fendi

Si chiamano Paola, Anna, Franca Carla e Aida. Di cognome, e di marchio, Fendi.  Cinque sorelle che hanno fatto la fortuna di un marchio di pellicce prima, di moda varia poi. Le valchirie della moda italiana. Una generazione di stiliste a cavallo tra il lusso e il minimalismo.


135 voti

 


Laura Biagiotti

Firma, ancora giovanissima, la sua collezione di prêt-â-porter per Schuberth nel 1966. La sua fama è legata soprattutto alla sua donna "bambola", alla linea ampia delle sue creazioni, quasi danzanti attorno al corpo.


127 voti

 


Rocco Barocco

Noto per la ricercatezza dei tessuti broccati e laminati, per le tigri e i leopardi che spuntano su abiti e cappotti, Rocco Barocco ha sempre esaltato una donna ironica, conformista, sicura di sé e, a volte, non sempre in linea con i tempi, visto il suo volersi staccare dai cliché imperanti.


126 voti

 


Nicola Trussardi

Nel 1970 assume la direzione dell'azienda di produzione di guanti fondata dal nonno Dante. Trussardi trasforma l'azienda in un marchio globale, espandendo la produzione dapprima creando linee di accessori di abbigliamento di lusso, e dagli anni ottanta linee moda.


114 voti

 


Fernanda Gattinoni

Una delle maggiori firme della moda italiana di sempre. Negli anni '50 e '60, quando Roma diventava sinonimo di cinema, Fernanda Gattinoni diventa la stlista delle star.


112 voti

 


Renato Balestra

L'atelier Balestra produce una trentina di linee che vanno da differenti collezioni ready to wear alla Moda-uomo e agli accessori, ottenendo notevoli successi ed annoverando tra i propri clienti importanti personaggi internazionali: Renato Balestra ha disegnato modelli per regine, first ladies, principesse saudite, imprenditori e note attrici.


112 voti

 


Elio Fiorucci

Designer, talent scout, imprenditore e comunicatore, è riuscito a creare un universo in cui arte e moda si incontrano. Le sue creazioni sono divenute fenomeni di costume.


112 voti

 


Alessandro Dell'Acqua

Alessandro Dell'Acqua inizia a lavorare per il gruppo Marzotto, collaborando contemporaneamente con altri importanti marchi. In questo periodo Dell'Acqua si specializza nella lavorazione della maglia. Nel 1995 fonda il proprio marchio e la sua prima collezione femminile.


111 voti

 


Nino Cerruti

Nato in una famiglia di industriali tessili, Cerruti ereditò l'attività alla morte del padre, avvenuta nel 1950, all'età di vent'anni, interrompendo così gli studi di filosofia e giornalismo. Nel corso degli anni investì nella ricerca e nello sviluppo dei materiali e del design, ottenendo risonanza mondiale nel 1957, alla presentazione della sua prima linea di vestiario, la "Hitman" a Milano.


111 voti

 


Mila Schon

Dopo gli studu a Trieste, si trasferisce poi a Milano nell'immediato secondo dopoguerra con il marito, il commerciante di preziosi Aurelio Schön. Nel 1958 fonda il suo primo atelier e sette anni più tardi lanciò la sua prima collezione nella celebre cornice delle sfilate di Palazzo Pitti, che le permise di fare il gran salto nel mondo dell'alta moda.


110 voti

 

Utenti in evidenza

clara valbonesi

Designer

Manager

Andreoli Adriano

Designer

Serrese

Azienda

Claudio Bellet

Manager

La Rosa video emozionale

http://www.youtube.com/watch?v=O6E53u-tpYA

Il 19 giugno 2011, nella splendida cornice del Teatro alla Scala di Milano, Mattia Rigamonti (CEO La Rosa S.p.A) riceve da Carlo Sangalli (presidente della Camera di Commercio) e Fedele Confalonieri (Presidente Mediaset) il ‘Premio YouImpresa’ all’interno della manifestazione ‘Premio Milano Produttiva’. Il ‘Premio YouImpresa’, intende valorizzare il video quale nuovo strumento di comunicazione aziendale, leva strategica per affrontare i mercati internazionali in rapida evoluzione. Il riconoscimento, è stato attribuito al ‘corto’ dell’azienda caricato sul portale della Camera di Commercio e grazie a 6560 cliccate di consenso da parte degli utenti. L’ onorificenza è destinata a imprese dinamiche e innovative che si sono distinte per dedizione e professionalità, correttezza imprenditoriale e per il rispetto delle regole del mercato. La Rosa S.p.A si aggiudica ben due premi in questo primo semestre, a febbraio infatti ha acquisito il trofeo 'PLAN A' Award 2011’ promosso dal gruppo inglese di proprietà M&S. Il premio ha consacrato l’azienda italiana unica realtà mondiale nel settore del Visual Merchandising e produttrice di manichini, che opera nel pieno rispetto dell’ambiente e a tutela del lavoratore. Un’ulteriore conferma che vede ancora La Rosa S.p.A come capofila, rivolta a nuovi canali di comunicazione, oltre che allo sviluppo di tecnologie produttive ecosostenibili.

Video postato da: La Rosa S.p.a


Nome - Azienda


Prodotti e servizi

Donna Impresa Magazine

Donna Impresa Magazine
media

Poltrona Spider - cliente: OVVIO ITALIA

Emanuele Dragotta
designer

Sandalo Minorca

Mariano Pariota
designer

Borsa VdM ad olio

VdM - Vittorio De Marchi
aziende

FashionBiz.it © Copyright 2010 H2biz S.r.l. - P.Iva/C.F. 06149921212
Numero Verde 800 12 80 15 - e-mail: info@fashionbiz.it

G.S. - credits - Siti del Network vai